Quando si parla di biologico

 

campagna.

Quando mi trovo a dover spiegare che cosa è il biologico mi ritrovo un po’ confuso. Ho come l’impressione che la risposta non esista se non una risposta così semplice da risultare banale.
La mia azienda è un’azienda a conduzione familiare ed io sono l’ultimo di 4 generazioni. Se avessi detto a mio nonno che faccio il biologico lui mi avrebbe senz’altro risposto:”Oh cos’è?” e allora io glielo avrei spiegato così come posso spiegarlo a chiunque:”Sai nonno, non uso pesticidi e veleni.” E allora lui mi avrebbe detto:”Io non facevo il biologico ma lavoravo la terra proprio come te.” . E allora: come posso affermare di fare qualcosa di nuovo?
In realtà tra me e mio nonno c’è qualche anno ma, soprattutto, una generazione di mezzo e sono proprio quegli anni e quella generazione che hanno creato qualcosa di nuovo…
Fermiamoci per un attimo a riflettere su cosa è successo in quegli anni perché noi parliamo tanto di biologico e in realtà non abbiamo inventato nulla e invece non parliamo di chimica e invece è proprio questo che è stato inventato. Dal dopoguerra a oggi è stata attuata una politica agricola che tende a creare reddito senza preservare la salute delle persone e dell’ambiente. Un esempio palese è il cambiamento climatico a cui stiamo andando in contro.

La chimica ha rivoluzionato il modo di produrre, trasformare e conservare gli alimenti e ambiente, introducendo prodotti nuovi e metodi nuovi, in poco tempo e senza informare i consumatori. L’aspetto esteriore dei prodotti dell’agricoltura chimica è identico a quello dei prodotti dell’agricoltura biologica, perciò i consumatori non sono in grado di distinguerli. Ma soprattutto esiste un’ideologia dominata dal principio che il terreno agrario sia una macchina inerte per produrre quanto più è possibile. L’agricoltura chimica, insomma, ha dimenticato che il terreno è vivente e che deve produrre alimenti di qualità per gli esseri viventi. Cosa, invece, che faceva mio nonno e cosa che cerco di fare anch’io.
Quindi, non so spiegare cosa sia il “biologico” e questa parola per me non significa nulla se non in riferimento al significato stesso e arcaico della parola ( bio = vita, logos = parola, linguaggio) ma so cosa è la chimica, sperimentata e utilizzata sia da me che dai miei familiari. La mia scelta è stata quella di non utilizzare pesticidi e veleni per preservare chi lavora la terra e chi consuma le verdure prodotte dall’azienda, per tenere conto del terreno e per valorizzarlo. E scopro con sorpresa che la terra stessa crea nutrimento, che non c’è bisogno di molto per produrre verdura di qualità.
Mio nonno produceva ortaggi biologici e non lo sapeva, non era una scelta etica ma sapeva fare quello che da sempre si era fatto con la terra, parlava il linguaggio della vita (bio-logico). Io ho scelto ma per mantenere viva un’esperienza, perché mi va di fare qualcosa che non distrugge ma che dà vita. In fin dei conti anch’io non ho scelto nulla perché di scelta non si tratta, si tratta ben si di necessità. E mi piacerebbe che un po’ tutti avessimo la stessa necessità: preservare noi stessi, l’ambiente, la cultura.

Alessandro C.da Bio Colombini

Share on Pinterest
There are no intro image.
Share with your friends








Submit
Seguici su
Facebook

enrica-facebookriccardo-ronzonimelissa-facebook





camminamente facebook smalllocandina-effeemmestudioProf-Cannella-facebook



icona facebook macromamma

Copyright © 2007 CamminaMente. Tutti i diritti riservati. Ripubblicazione o distribuzione dei contenuti sono espressamente vietate senza permesso scritto.| c.f. 94132270367

Privacy | Sitemap | Credits

CamminaMente usa i cookie,

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di offrire servizi utili ai visitatori. In nessun caso i dati raccolti verranno utilizzati per scopi diversi dalla nevigazione ed utilizzo del sito camminamente.it