L’allattamento al seno nella terra di Gengis Khan

‘’ Pubblichiamo questo articolo che ci sembra una testimonianza umana molto bella e interessante. Grazie agli autori’’

 

canegiallo. In Mongolia, si dice che “i migliori pugili sono stati allattati da piccoli per almeno sei anni”, un serio segno di approvazione in un paese dove la lotta è lo sport nazionale. Mi sono trasferita in Mongolia quando il mio primo figlio aveva 4 mesi, e ho vissuto lì fino a quando ne aveva 3.
Crescere mio figlio durante quei primi anni in un luogo dove l’approccio all’allattamento è difforme in modo così radicale dalle abitudini prevalenti in Nord America mi aprì gli occhi su di una visione totalmente diversa dell’argomento. Non solo i Mongoli allattano per un periodo lungo, ma lo fanno con più entusiasmo e minor inibizione di quasi chiunque altro io abbia incontrato. In Mongolia il latte materno non è solo per i neonati, non riguarda solo la nutrizione, e non è sicuramente qualcosa su cui mantenere il riserbo. E’ ciò di cui era fatto Gengis Khan.

 


Come molte mamme ‘per la prima volta’ non ho mai pensato molto all’allattamento prima di avere un bambino. Ma un minuto dopo che mio figlio, Calum, venne al mondo, si attaccò al seno e per i successivi quattro anni sembrò piuttosto determinato a non lasciarlo. Fui fortunata, poiché per molti versi l’allattamento fu facile, niente ragadi e quasi nessun ingorgo mammario. Psicologicamente, però le cose non furono così semplici. Se da una parte amavo il mio bambino e avevo a cuore il legame che l’allattamento ci offriva, dall’altra a volte questo mi sopraffaceva. Ero impreparata alla grandezza del mio amore per lui e all’intensità del suo bisogno di me e me sola per il mio latte. “Non lasciare che ti trasformi in un ciuccio vivente”, mi aveva avvertito un’infermiera canadese alcuni giorni dopo la nascita di Calum, mentre lui succhiava ora dopo ora. Ma io rincorrevo tutte le possibili ragioni del suo pianto - ha le coliche? è bagnato? poco stimolato? troppo stimolato?- e la maggior parte delle volte finivo semplicemente per allattarlo di nuovo. Mi domandavo se stessi facendo la cosa giusta.
Poi mi spostai dal Canada in Mongolia dove mio marito stava conducendo uno studio sulla fauna selvatica. Lì i neonati sono tenuti costantemente avvolti in strati di coperte spesse, legati con lo spago come pacchi postali che vuoi evitare si disfino. Quando un ‘pacco’ mormora, un capezzolo gli appare improvvisamente in bocca. I bambini non vengono cambiati molto spesso, e mai aiutati a fare il ruttino. Non vi sono neanche mani libere nelle quali infilare un sonaglio. Assolutamente non vengono mai messi a pancia sotto. I piccoli restano avvolti per almeno tre mesi e ogni volta che emettono un vagito vengono allattati. Interessante. A tre mesi i neonati canadesi hanno già impegni sociali, persino il nuoto. Alcuni imparano a calmarsi da soli. Io avevo dato per scontato che vi fossero varie ragioni per le quali un bimbo può piangere, e che il mio lavoro fosse di capire quale fosse la ragione e trovare una soluzione appropriata. Ma in Mongolia, nonostante i bambini possano piangere per varie ragioni, c’è sempre solo una soluzione: l’allattamento. Mi accinsi allo scopo e seguii l’esempio.

allattamento.

UNA POPPA ALL’OPERA CAMMINA PER STRADA


In Canada c’è ancora una certa dose di misticismo attorno all’allattamento. Ma la verità è che semplicemente non ci siamo molto abituati. Si allatta a casa, nei gruppi per bambini, occasionalmente nei caffè, raramente lo si vede fare in pubblico e di sicuro non ricordiamo consapevolmente di essere stati allattati a nostra volta. Questa attività privata fra la mamma ed il bambino è accolta in silenzio distogliendo cortesemente lo sguardo e trattata quasi alla stregua degli scambi di effusioni di coppia in pubblico: senza tabù ma con lieve imbarazzo ed educata indifferenza. E quando quel tranquillo, angelico neonato si trasforma in un vivace bambino ai primi passi intento a lasciare che il mondo sappia esattamente cosa sta facendo, beh, quegli sguardi sono distolti un po’ più velocemente e intenzionalmente, alcune volte con cipiglio contrariato.
In Mongolia, invece che relegarmi alla sezione ‘per sole mamme’, l’allattamento in pubblico mi ha decisamente portata al centro dell’attenzione. La loro pratica generalizzata di allattare ovunque, in qualunque momento, e il modo di vivere a stretto contatto della maggior parte dei Mongoli, implica che tutti abbiano sufficiente familiarità con la vista di una poppa all’opera. Loro erano contenti di vedere che io allattassi alla loro maniera (che era ovviamente quella giusta).
Quando allattavo nel parco, le nonne mi intrattenevano con le storie delle dozzine di bambini cui avevano dato da mangiare. Quando allattavo nel sedile posteriore dei taxi, gli autisti mi facevano segno con il pollice in su nello specchietto retrovisore a mi assicuravano che Calum sarebbe diventato un grande lottatore. Quando camminavo al mercato tenendo fra le braccia il bambino che mangiava , i venditori mi facevano spazio nei loro banchi e gli dicevano di finire di bere. Invece di guardare dall’altra parte, le persone si chinavano e baciavano Calum sulla guancia. Se lui si staccava in risposta all’attenzione e lasciava in bella vista il seno che grondava, non battevano ciglio. Nessuno mi fissava, nessuno guardava dall’altra parte, semplicemente ridevano e si asciugavano il latte dal naso.
Dal momento in cui Calum ebbe 4 mesi e fino a che ebbe 3 anni, dovunque andassi, sentivo sempre la stessa cosa: “L’allattamento è la cosa migliore per il tuo bambino, la migliore per te”. La costante approvazione mi faceva sentire che stavo facendo qualcosa di notevole che importava a tutti, esattamente il tipo di pubblico consenso di cui tutte le madri hanno bisogno.

 

allattamento.

 

L’ARMA SEGRETA DELLA MAMMA PIGRA


Quando Calum ebbe due anni, mi ero pienamente resa conto di quanto utile potesse essere l’allattamento. Niente fa addormentare un bambino più velocemente, libera dalla noia di un lungo viaggio in macchina, o calma una sfuriata così repentinamente come un po’ di latte caldo della mamma. E’ l’aiuto più efficace per una madre pigra, e in quel momento pensavo di utilizzarlo al massimo. Ma i Mongoli mi fecero fare un passo ulteriore.
Durante gli inverni in Mongolia, passai molti pomeriggi nella tenda della mia amica Tsetsgee, sfuggendo l’intenso freddo esterno. Fu illuminante confrontare i nostri diversi metodi educativi. Tutte le volte che scoppiava un litigio per i giocattoli tra i nostri piccoli di 2 anni, la mia prima reazione era di cercare di ristabilire la pace distraendo Calum con un altro giocattolo, spiegandogli i principi della condivisione. Ma questo richiedeva qualche minuto di tempo e aveva una possibilità di successo solamente di circa il 50%. Le altre volte, quando Calum non sembrava volersi calmare e la sua frustrazione saliva al massimo, lo prendevo in braccio e me lo mettevo al seno per una poppata.
Tsetsgee aveva un approccio differente. Al primo mormorio di discordia, si alzava la camicia e cominciava scuotere i seni con entusiasmo, gridando, “Vieni bambino, guarda cosa ha mamma per te!” Suo figlio distoglieva lo sguardo dai giocattoli per inquadrare i seni della madre e immancabilmente le trotterellava incontro.
Grado di successo? 100%
Per non essere da meno, io adottai la stessa strategia. Eccoci qua, due madri sventolanti il proprio seno come spogliarelliste in competizione nell’intento di attirare un cliente. Se i nonni erano in giro, anche loro entravano in scena. I poveri bambini non sapevano dove guardare, la rassicurante pienezza del seno delle proprie mamme, la frittella avvizzita della nonna in ostentazione della sua lunga esperienza, o la strana collinetta di carne che il nonno strizzava a mò di seno. Per quanto ci provi, non riesco ad immaginare una simile scena a un incontro della Leche League.

QUANDO CAMMINANO E PARLANO…..E QUANDO DANNO GLI ESAMI?


Al corso di accompagnamento alla nascita in una piccola città del Canada, dove Calum è nato, l’allattamento fu introdotto con un video che mostrava una mamma svedese dal look particolarmente sportivo che allattava il suo bambino sui campi da sci. Un brivido corse nel gruppo: “Sicuramente è fantastico per i neonati, ma quando questi camminano e parlano…?” Questa era più o meno l’opinione generale. Io rimasi della mia opinione.
Fui poi sorpresa a mia volta quando una delle mie nuove amiche mongole mi raccontò di essere stata allattata fino a 9 anni. Rimasi talmente sbalordita che all’inizio la presi come uno scherzo. Considerando che mio figlio ha smesso di prendere il latte subito dopo i 4 anni, ora mi sento un po’ in imbarazzo rispetto alla mia irremovibile incredulità. Anche se a 9 anni è piuttosto tardi per essere allattati anche per gli standard mongoli, non è in effetti fuori scala.
Nonostante non fosse sempre semplice discutere approfonditamente con i Mongoli di concetti come l’auto-svezzamento, data la barriera linguistica, allattare ‘a termine’ sembrava la norma. Non ho mai incontrato nessuno che allattasse in tandem, e la cosa mi sorprese, ma dal momento che gli intervalli tra le nascite sono piuttosto lunghi, molti bambini smettevano di essere allattati tra i 2 e i 4 anni.
Nel 2005, secondo l’Unicef, l’82% dei bimbi in Mongolia continuava ad essere allattato tra i 12 e i 15 mesi, il 65% dai 20 ai 23 mesi. Sembra che l’ultimogenito di una madre continui semplicemente a farlo , da cui l’allattamento fino ai 9 anni, e se la saggezza popolare non mente, la fama della Mongolia per la lotta.
Quando Calum aveva 3 anni e ancora continuava a prendere il latte con l’entusiasmo di un neonato e io mi domandavo quando avrebbe smesso, fui curiosa riguardo a cosa spingeva i bambini mongoli a smettere da soli. Alcune madri dicevano che i loro bambini avevano semplicemente perso interesse. Altre mi dissero che la pressione dei compagni aveva giocato un ruolo. (Io ho sentito i teenager mongoli prendersi in giro l’un l’altro con "Vuoi ancora il seno di mamma!” così come i bambini canadesi dicono “Piagnone!”). Sempre più spesso gli impegni di lavoro portano allo svezzamento molto prima di quando altrimenti sarebbe avvenuto; i bambini passano l’estate in campagna mentre le madri restano in città al lavorare, e durante questa lunga separazione il latte se ne va. La mia amica Buana, ora di 20 anni, mi raccontò la sua gloriosa esperienza di allattamento: “Io sono cresciuta in una tenda fuori in campagna. Mia mamma mi ha sempre detto di bere, che era bene per me. Io pensai che farlo fosse normale per qualsiasi bambina di 9 anni. Quando andai a scuola smisi.” Mi guardò con uno scintillio birichino negli occhi. “Ma ancora mi piace berlo ogni tanto”.

IL LATTE, PREGO


Immaginavo lo svezzamento come un evento piuttosto definito. Mi sono sempre aspettata che ad un certo punto, le poppate sarebbero diminuite fino ad interrompersi del tutto. Non avrei più avuto latte e sarebbe finita lì. Bar chiuso.
In Mongolia, non accade così. Parlando di allattamento con la mia amica Naara, le chiesi quando avesse smesso di prendere il latte sua figlia, che allora aveva 6 anni. “A 4 anni” mi disse “ero triste ma non volle più poppare”. Poi Naara mi raccontò che proprio la settimana prima, quando sua figlia era ritornata da una lunga permanenza in campagna con i nonni e le aveva chiesto di poppare, lei l’aveva accontentata. “Credo che le fossi mancata troppo” disse “ed è stato bello. Ovviamente non avevo latte, ma non le è importato”.
Ma se essere svezzati vuol dire non bere più latte materno, allora i Mongoli non lo sono davvero mai, e questo fu quello che mi meravigliò di più a proposito dell’allattamento in Mongolia. Se i seni di una donna sono pieni e il suo bambino non è nei paraggi, questa se ne va semplicemente in giro e chiede a un componente della famiglia, di qualunque età o sesso, se ne voglia un sorso. Spesso una donna ne spreme una scodella per suo marito come sorpresa, o ne lascia un po’ nel frigo a disposizione di chi lo desideri.
Tutte noi abbiamo assaggiato il nostro stesso latte, datone un po’ ai nostri compagni da provare, e forse usatone un po’ d’emergenza nel caffè - vero? – però non credo che molti di noi l’abbiano bevuto spesso. Ma ogni mongolo a cui ho chiesto mi ha detto, uomo e donna, di apprezzare il latte materno. Il valore del latte materno è così celebrato, così saldamente ancorato alla loro cultura, che non è considerato qualcosa solo per bambini. Il latte materno è comunemente usato in medicina, dato agli anziani come ‘toccasana’, per curare infezioni agli occhi, così come (riporto fedelmente) per rendere il bianco degli occhi ancora più bianco e il marrone dell’iride ancora più profondo.
Ma principalmente io credo che i mongoli bevano il latte materno perché a loro piace il sapore. Una mia amica occidentale che si tirava il latte al lavoro e lo lasciava in una bottiglia nel frigo dell’ufficio un giorno l’ha trovata mezza vuota. Si mise a ridere “Solo in Mongolia potrei sospettare che i miei colleghi abbiano bevuto il mio latte!”.
Vivere in un'altra cultura ti induce sempre a rivalutare la tua. Io non so come sarebbe stato allattare mio figlio in Canada nei primi anni di vita. La valanga di risposte positive all’allattamento che ricevetti in Mongolia, e la totale accettazione dei mongoli dell’allattamento in pubblico, semplicemente mi stupirono, e mi diedero la libertà di far crescere mio figlio in un modo che io sentivo naturale. Ma oltre a tutte le piccole differenze nei nostri modi di allattare, i dettagli su quanto a lungo e quante volte, finii per sentire che vi era un divario ancora più grande nei rispettivi approcci alla genitorialità.
Nel Nord America, diamo così tanta importanza all’indipendenza che questo pervade qualunque cosa facciamo. Tutti i discorsi vertono su cosa il proprio bambino mangi ora, e quante poppate fa. Anche se tu non sei il tipo che fa queste domande, è difficile eludere il loro impatto. E ci sono oggi in vendita così tanti oggetti studiati per aiutare i figli a trastullarsi da soli senza aver bisogno di te, che il messaggio è chiaro. Ma in Mongolia, l’allattamento non vuol dire dipendenza, e lo svezzamento non è il traguardo. Loro sanno che i figli cresceranno, infatti la media dei bambini mongoli di 5 anni è molto più indipendente del suo corrispettivo in occidente, allattato o no. Non vi è nessuna fretta di svezzarli.
Probabilmente la cosa più importante dell’aver cresciuto mio figlio in Mongolia è stata realizzare che esistono milioni differenti di modi di fare le cose, e che io potevo sceglierne uno qualsiasi. Per tutto il percorso di allattamento di mio figlio, mi sono posta molte questioni, e ho accettato e scartato molte idee e pratiche, nella ricerca di forgiare un mio stile personale. Sono felice di aver allattato Calum come e quanto ho fatto – che alla fine è stato per 4 anni. Penso che l’allattamento sia stata la cosa migliore per mio figlio, e che avrà un impatto duraturo sulla sua personalità e sul nostro rapporto.
E quando vincerà la medaglia olimpica di lotta, mi aspetterò un ringraziamento.

Note
1. UNICEF Childinfo, "Monitoring the Situation of Children and Women: Infant and Young Child Feeding (2000-2007)" (January 2009):www.childinfo.orglbreastfeeding_countrydata.php

Ruth Kamnitzer ha vissuto in una tenda tradizionale di feltro nella campagna mongola per tre anni mentre suo marito Steve conduceva uno studio sul gatto di Pallas dell’Asia Centrale. Ha un MSC (Master of Science) in ‘Biodiversity Conservation’ e attualmente vive a Bristol con Steve a Calum.

da‘Mothering magazine’ n.155 del Luglio/Agosto 2009
http://drmomma.blogspot.com/2009_08_01_archive.html

Share on Pinterest
There are no intro image.
Share with your friends








Submit
Seguici su
Facebook

enrica-facebookriccardo-ronzonimelissa-facebook





camminamente facebook smalllocandina-effeemmestudioProf-Cannella-facebook



icona facebook macromamma

Copyright © 2007 CamminaMente. Tutti i diritti riservati. Ripubblicazione o distribuzione dei contenuti sono espressamente vietate senza permesso scritto.| c.f. 94132270367

Privacy | Sitemap | Credits