Il SORRISO VIENE DAI PIEDI

Introduzione alla Reflessologia Plantare

reflexsito milva-0001 "La vita di ogni uomo è una via verso se stesso, il tentativo di una via, l'accenno di un sentiero...
Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno puo' comprendere veramente solo se stesso"
(Hermann Hesse, Demian)

Questa straordinaria tecnica di manipolazione del piede ha origini antichissime, la ritroviamo in iscrizioni e documenti di varie culture, tra cui quelle egizia, maya e ebraica, indiana, cinese. Ma dobbiamo ad un otorinolaringoiatra americano, il Dott. William H.Fitzgerald, il merito di averla riscoperta all'inizio del secolo scorso, e sviluppata secondo un vero e proprio sistema che chiamò "massaggio zonale". Fu poi Eunice Ingham, infermiera e massaggiatrice, che in anni di studio e specializzazione dell'opera di WHF e altri, confermo' la connessione profonda tra le diverse zone del corpo e tra la periferia e il centro, ed elaborò un sistema di influenza sull'intero corpo agendo sui piedi. Nei suoi libri sono descritte quelle tecniche di massaggio e pressione dei piedi che sono alla base dell'odierna REFLESSOLOGIA e che dagli Stati Uniti si sono diffuse ovunque nel mondo. La reflessologia plantare riivolge la sua attenzione al piede per varie ragioni:

 

  • l'uomo è posto tra due poli, il Cielo (la creatività) e la Terra (la ricettività), così la Testa è a contatto con l'energia del cielo e i Piedi con l'energia della terra. Le Mani sono i mediatori che ci permettono di trasformare le idee in fatti. Nell'uomo moderno il contatto con la terra è sempre più lontano, mentre la Mente sviluppa sempre più le proprie capacità, questo produce disarmonia e sofferenza. Il piede diviene allora "un luogo di incontro" tra il Cielo e la Terra, tra la Mente e il Corpo.
  • Il piede è il punto di contatto tra l'energia vitale di base dell'uomo e l'energia di base della terra. La tecnica reflessologica è in grado di suscitare e stabilizzare gli aspetti energetici carenti della persona, la rende ricettiva, sensibile, più carica, rilassata, in grado di concentrarsi meglio, di dormire serenamente.
  • Il piede riproduce perfettamente tutta la persona, su tutti i suoi piani, fisico, emozionale, comportamentale, psichico, mentale. Dal concepimento in avanti, contiene la sua storia, le sue tendenze e predisposizioni. Permette quindi di avvicinare e conoscere l'individuo in modo straordinario, personale e sicuro. Il Piede è l'OLOS a cui il reflessologo non può che avvicinarsi con rispetto e delicatezza.
  • I piedi sono parti vive del corpo, ricche di ossa, muscoli e tendini, vasi sanguigni e terminazioni nervose: essi respirano. Il vissuto quotidiano, se non completamente integrato e sciolto, ogni giorno, si cristallizza nel corpo e produce alterazioni nella sua struttura, e nella fisiologia, così come, reflessologicamente, nei piedi si manifestano deformazioni, posizioni scorrette, callosità, protuberanze, ecc....

reflexsito milva-0015Il massaggio riflesso agisce sulle forze di autoguarigione sempre presenti nell'individuo.
Esso ha un valore curativo, ma anche soprattutto preventivo. Attiva la circolazione sanguigna, linfatica ed energetica; mantiene vivi gli interscambi cellulari e permette la rigenerazione delle cellule e l'eliminazione rapida delle tossine; migliora la fisiologia generale degli organi, equilibra le funzioni ormonali, stimola e rilassa il sistema nervoso. Infine toccare i piedi è un gesto che calma e ha una influenza profonda sulla persona.

 

 

fumetto-milva.

 

Reflessologia Plantare

 

piede-manoLa reflessologia è una pratica che consiste nello stimolare dei punti ben definiti nel corpo al fine di ottenere risposte in altre parti dello stesso.

Ovunque nel corpo esistono punti riflessi, ma sono le estremità (piedi, mani testa) ad ospitarne la maggior parte ed è proprio su queste estremità, peraltro abbondantemente ricche di terminazioni nervose, che si applica la reflessologia.

Il PIEDE rappresenta, in reflessologia, la proiezione di tutto il corpo.

Le dita sono la proiezione della testa, i metatarsi del torace, le ossa tarsali del bacino. La localizzazione di calli, duroni, gonfiori, avvallamenti, ci informa delle condizioni degli organi corrispondenti.

Il piede è anche lo specchio del nostro stato fisico generale e delle nostre emozioni. Possiamo analizzare questi aspetti avvalendoci della Medicina Tradizionale Cinese che vede l’UOMO come un tutt’uno di corpo, mente, spirito (Olos).

La reflessologia del piede si rivolge a tutto l’essere umano, nella sua individualità, e diviene strumento di prevenzione e di stimolo della capacità naturale dell’organismo di guarire. In generale promuove le funzioni vitali e tende a ridare benessere, armonia ed equilibrio.

Cenni storici

 

Come disciplina scientifica nasce alla fine dell’800, grazie alle ricerche in materia di anestetizzazione dal dolore di un medico americano WILLIAM FITZGERALD, otorinolaringoiatra.

Ma è grazie al lavoro di un’assistente, EUNICE INGHAM, appassionatasi alla materia, che il piede rivela essere un’area del corpo straordinariamente sensibile alle stimolazioni. Sarà appunto la Ingham l’autrice della prima MAPPA ZONALE del piede, con l’indicazione di tutti i punti riflessi del corpo sullo stesso, e l’insegnante che diffonderà la materia in diversi paesi del mondo.

Sul funzionamento della Reflessologia Plantare secondo le diverse scuole e gli approfondimenti di almeno un secolo

 

. Stimola il sistema nervoso

Esiste una relazione ben definita tra le terminazioni nervose delle zone riflesse e i punti in cui il disturbo fisico è localizzato. Attraverso la stimolazione della zona riflessa partono messaggi al cervello che interviene sul problema con tutte le risorse disponibili in quel organismo.

. Stimola la produzione di sostanze ormonali da parte del cervello

Il cervello controlla l’equilibrio endocrino mediante la secrezione di sostanze che agiscono sull’ipofisi o più indirettamente su apparati tissutali e ghiandolari. Si stimolano i punti o le aree dolorose finché il cervello non libera endorfine che sciolgono il dolore.

. Stimola il sistema linfatico

La circolazione linfatica è caratterizzata da lento scorrimento e spesso da stasi. Stimolando specifiche aree del piede e della gamba, lo scorrimento viene facilitato e le stasi si sciolgono. Ne consegue un senso di leggerezza, gli arti inferiori si sgonfiano, viene stimolata l’eliminazione di tossine, il tono generale del corpo ne trae beneficio.

. Stimola il sistema circolatorio

Migliora la qualità del sangue, si ossigenano i vasi, vi è un maggior apporto di nutrienti alle cellule, l’eliminazione di tossine è favorita.

. Stimola la respirazione polmonare

Durante il trattamento viene posta particolare attenzione alla respirazione regolare e cosciente del soggetto trattato.

Si ottengono inoltre cambiamenti e miglioramenti nei disturbi di tipo psico-somatico, nella circolazione elettro-magnetica, nei disturbi veglia-sonno, e così via.

Il trattamento reflessologico viene praticato anche lungo i percorsi dei meridiani energetici del piede e della gamba.

Si usano essenzialmente le mani sulla pelle pulita. Non vengono usate creme.

piede-mano-2

L’uso di OLII ESSENZIALI opportunamente veicolati, è raccomandato, secondo la SCUOLA di AROMATERAPIA SCIENTIFICA, per numerosi problemi di salute e rappresenta una forma avanzata di terapia del benessere.

Pagina 1 di 8

Seguici su
Facebook

enrica-facebookriccardo-ronzonimelissa-facebook





camminamente facebook smalllocandina-effeemmestudioProf-Cannella-facebook



icona facebook macromamma

Copyright © 2007 CamminaMente. Tutti i diritti riservati. Ripubblicazione o distribuzione dei contenuti sono espressamente vietate senza permesso scritto.| c.f. 94132270367

Privacy | Sitemap | Credits

CamminaMente usa i cookie,

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di offrire servizi utili ai visitatori. In nessun caso i dati raccolti verranno utilizzati per scopi diversi dalla nevigazione ed utilizzo del sito camminamente.it